Poesia

Addio a Jack Hirschman, il poeta di North Beach

Non chiamatelo Beat. Jack Hirschman era troppo giovane per essere un Beat. Chiamatelo bohémien e ricordatelo come amava definirsi lui: l’instancabile poeta proletario; o se preferite, come il ragazzo che vide Dylan Thomas declamare i suoi versi per l’ultima volta;…

Addio a Lawrence Ferlinghetti

Quando ho visitato San Francisco per la prima volta ero ancora troppo piccola per comprenderne pienamente il fascino. Non sapevo del ruolo predominante che la città aveva rivestito nella scena controculturale degli anni ‘60, e che gruppi leggendari come Jefferson…

Il coraggio di scrivere il sequel dell’Odissea

Δεν ελπίζω τίποτα, δε φοβούμαι τίποτα, είμαι λέφτερος. Non spero in nulla. Non temo nulla. Sono libero. Questo è l’epitaffio, l’estremo messaggio che i visitatori di Candia, sull’isola di Creta, possono leggere sulla lapide di Nikos Kazantzakis, uno degli scrittori…

La poesia del lunedì | T. S. Eliot per mesi meno crudeli

“Ma il concetto astratto / dell’esperienza privata che al punto della sua / maggiore intensità diventa universale, ed è / quanto chiamiamo « poesia », può essere / affermato in versi.” — T. S. Eliot, Nota sulla poesia di guerra…

La poesia del lunedì | Paul Celan per il centenario

“La poesia può essere un messaggio nella bottiglia, gettato a mare nella convinzione – certo non sempre sorretta da grande speranza – che esso possa un qualche giorno e da qualche parte essere sospinto su una spiaggia, alla spiaggia del…

E la poesia in Italia come sta?

Louise Glück ha vinto il premio Nobel per la Letteratura. Ha vinto la poesia, un certo tipo di letteratura raffinata ed elitaria e ciò ribadisce la linea seguita dall’Accademia svedese, che da alcuni anni non smette di stupire al momento…

Louise Glück: quando il Nobel va alla poesia

“Avevo paura dell’amore, di essere portata via. Chiunque abbia paura dell’amore ha paura della morte.” (tratto da “Timor mortis”, Louise Glück, Nuovi poeti americani, a cura di Elisa Biagini, Einaudi, Torino 2006) Si chiama Louise Glück, americana, figlia di immigrati…

Aldo Nove, un poeta tra i cannibali

a cura di Nunzio Bellassai In principio furono i cannibali. Si potrebbe dire oggi, riferendosi a quel gruppo di autori che sono emersi negli anni ’90, mossi dall’influsso di Pulp Fiction e della letteratura americana, destinati a mutare le forme…