Letteratura

Perdersi nel meraviglioso mondo di Julio Cortázar

Previous ArticleDeerhunter - Monomania
Comments (2)
  1. 8avio ha detto:

    Quando ho letto la prima metà di questo libro (anche i lettori a volte sono pigri, e si lasciano distrarre dalle effimere vicende della vita) mi ha colpito molto il jazz.

    Mi pareva che avesse una presenza importante nel libro, quasi al livello di un personaggio. Dopo alcune riflessioni mi sono deciso ad immaginarlo come possibile chiave di lettura, metaforica, del libro.

    Mi è sembrato di intravedere una connessione tra la struttura del libro, e la struttura del jazz. Come quest’ultimo infatti va avanti con variazioni, improvvisazioni, attorno ad un tema fisso, così il testo porta avanti una storia e si lascia anche percorrere seguendo improvvisazioni e divagazioni, in diverse storie accessorie, che aggiungono nuove note alla melodia di fondo, senza snaturarla, ma arricchendola.

    Grazie per l’attenzione eventuale, e grazie per questo post, soprattutto per il racconto finale.

    Ottavio

    1. Gio Taverni ha detto:

      se la parola ha un certo ritmo può anche diventare musicale

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *