Indie News

In anteprima il video del nuovo singolo di Shaone: Rareca

Desolazione è un paesaggio virato Instagram: filtri edulcoranti per solitudini iperconnesse. C’è un astronauta sotto al cielo sbiadito; c’è ma forse è un’illusione, un bug di programma, un errore. Il vento soffia forte e l’erba è verdissima. Si guarda le mani -guanti azzurri- sembra estraneo a se stesso. È Shaone (qui l’intervista) nella prima scena del videoclip di Rareca, il secondo singolo estratto dall’album OVER, in uscita a Dicembre con l’etichetta Mrfew.

“Prun’ acever’/ ‘n’ammaturan’/ da’ chiant’ caren’ staccannes’ da’ rareca/ pare che/
chi nu’ riseca nu’ roseca / sott’ e pier’ votten’ museca e muse /
vir’ l’uso c’ pass’/ cu’ ‘sta terra c’attrass’/ ‘na voce luntan’ c’ lass’/
e tutt’ chell’ c’ tu ive cullass”.

“Prugne acerbe, non maturano, dalla pianta cadono staccandosi dalla radice,
sembra che, chi non rischia non ottiene, mettono sotto i piedi la musica e le muse,
vedi la tradizione che passa, con questa terra che si trascura,
una voce lontana che lasci andare via e tutto quello che eri collassa”.

“Rareca” è una parola bellissima e vuol dire: radice. Il testo sin dal titolo (quanti napoletani conoscono la parola “rareca”?) allude alla perdita di identità culturale tra i giovani.

“Il brano Rareca, parla delle nuove generazioni, di come le stesse hanno dimenticato il proprio passato, le proprie tradizioni, la propria cultura. Distratti da sollecitazioni visive simili a miraggi, a illusorie chimere, i giovani hanno dimenticato la voce genitoriale, il suono di una melodia antica che li ha cresciuti” spiega il rapper Shaone, nome d’arte di Paolo Romano, alla sua seconda prova da solista dopo l’album “Anticamera”, del 2008. Nel videoclip è affiancato dal producer Dj Simi, compagno nell’inossidabile avventura de La Famiglia. I due M.C. rappano sulle immagini del film “Nel nome del padre”, primo lungometraggio di Gabriele Gargiulo che ha firmato anche la regia del video.

Il film, di prossima uscita, è stato girato tra Giugliano e il litorale Domizio. È una storia di riscatto che affronta la tematica dei minori a rischio troppo spesso attirati dai soldi facili e dalla mitologia camorristica. Il film ha già ottenuto il riconoscimento del Patrocinio Morale del Comune di Napoli e di altri comuni dell’hinterland napoletano ed è stato inoltre protagonista recente del Coffi Cortoglobo Film Festival di Angri (SA).

In anteprima in esclusiva per i lettori de L’Indiependente, ecco il video.

RARECA
Radice

Testo

Ha vist’ cchiù ‘o nonn’ ‘int’ ‘a vit’ do rione / c’ Roy ‘o llargo de bastiun’ d’ Orione /
smiccia bbuon’ ‘o ‘ncant’ ‘e ‘sta terra / cchiù ‘e nu replicant’ ‘e pport’ ‘e Tannoiser /
uocchie scanner / lingua toner / cunt’ ricord’ e n’ venen’ for’ geyser /
palepul’ ‘e ‘na vota m’esce / ‘ind’ a ‘sta Napul’ trappul’ comm’ a nureche d’Escher /
flash / comm’ ‘o cubo d’Hellraiser / tipo nu virus p’ ‘o database / core p’ ‘o coroner /
‘e chi leva l’uso / ‘stu futur’ annanz’ è sul’ nu fuoss’ futo / abbelut’/ obbilloc’ /
Napul’ annant’ / scurdatev’ ‘o ‘ncant essa s’ svacant’/ nu ccont’ cchiù Basile /
è ghiut’ acit’ ‘o varrile / simm’ bbuon’ a jencher’ ‘e larm’ ‘o vacile.

Prun’ acever’/ ‘n’ammaturan’ / da’ chiant’ caren’ staccannes’ da’ rareca / pare che /
chi nu’ riseca nu’ roseca / sott’ e pier’ votten’ museca e muse /
vir’ l’uso c’ pass’ / cu’ ‘sta terra c’attrass’ / ‘na voce luntan’ c’ lass’ /
e tutt’ chell’ c’ tu ive cullass.

P’ svenner’ chell’ c’ costa / ‘n’ astipamm’ chell’ ch’è nost’ / menann’ aint’ ‘stu post’ /
nunn’è p’ ‘o social network / è p’ for’ addò t’ spuorc’ / addò nze annetten’ puorc’ /
dicene / chi nu’ riseca nu’ roseca / bann’ ‘e Cagliostri c’ ‘iocan’ c’ ‘a jostr’ /
marcan’ a ppest’ / accussì v’ ‘o trend / chi nu’ vò verè leva ‘e llent’ /
Napule neverland /
ninn’ ‘int’ ‘e ‘uaie p’ l’Iphone 7 / Troll / prun’ acever’ p’ l’Apple /
sfoglie ‘e cepoll’ /
so’ Big babol / pall’ c’ fann’ ‘a bbott’ cu’ Google / ‘nfront’ so’ scoll’ /
‘a scola è ‘na mboll’ /fott’ ‘o dialett’ / nu’ sputà ‘nterr’ /
nu’ piglia semment’ si’ n’ ‘a miett’ / è raro c’ rareca piglia /
qua consigli / si’ ‘o pate tramann’ a nu figlio c’ maje sguiglia .

Prun’ acever’/ ‘n’ammaturan’ / da’ chiant’ caren’ staccannes’ da’ rareca / pare che /
chi nu’ riseca nu’ roseca / sott’ e pier’ votten’ museca e muse /
vir’ l’uso c’ pass’ / cu’ ‘sta terra c’attrass’ / ‘na voce luntan’ c’ lass’ /
e tutt’ chell’ c’ tu ive cullass.

Arò sî nato? / qual’ è ‘a terra c’ t’ha crisciut’? / t’ha fatt’ frutt’ ciuott’ / qua pera cott’ /
t’hann’ vennut’ a chi t’ ‘ngnott’ / chi t’ cunzum’ / ive pruna /
mo sî spuoglie ‘e custum’ / annur’ / è l’ora d’arrivà ‘o nuozzol’ /
da ‘sta scorz’ fa’ ascì for’ ‘o peruozzolo /
Sguiglia ‘a ggemma / nova generazione / Napul’ risona / Napul’ nu’ stona /
nu’ vonn’ c’ cunzierv’ ‘e tradizioni /
‘e vvonn fa fa’ ‘na lamp’ c’ ‘o cippo ‘e Sant’Antuono /
‘nzo bbuon’ / t’ vonn’ svenner’ /
‘ngopp’a tte ‘o munton’ e tu ‘sti scell’ ‘e scenner’ /
p’ chest’ aizet’ / nun fa’ stutà ‘a curdur’ /
nun t’ fa’ metter’ ch’ ‘e spall’ ‘nfaccia ‘o mur’ / miett’ e pier’ annur’ /
‘nterr’ s’ fann’ rareca / c’ dann’ frutt’ / nova linfa p’ l’anema.

Prun’ acever’/ ‘n’ammaturan’ / da’ chiant’ caren’ staccannes’ da’ rareca / pare che /
chi nu’ riseca nu’ roseca / sott’ e pier’ votten’ museca e muse /
vir’ l’uso c’ pass’ / cu’ ‘sta terra c’attrass’ / ‘na voce luntan’ c’ lass’ /
e tutt’ chell’ c’ tu ive cullass.

(Traduzione in italiano)

Ha visto più mio nonno nella vita del rione, che Roy a largo dei bastioni di Orione,
guarda bene l’incanto di questa terra, più di un replicante alle porte di Tannoiser,
gli occhi come scanner, la lingua come toner, racconto i ricordi e ne vengono fuori geyser,
mi esce Palepoli di altri tempi, in questa Napoli che è una trappola come i nodi di Escher,
un flash, come il cubo di Hellraiser, è come un virus per il database, cuore per il coroner,
di chi abbandona la tradizione, questo futuro che si presenta è una profonda voragine,
avvilito, ecco, Napoli dinnanzi, dimenticatevi l’incanto, essa si svuota,
non racconta più Basile, si è fatto aceto il vino nel barile,
siamo bravi a riempire di lacrime il bacile.

Prugne acerbe, non maturano, dalla pianta cadono staccandosi dalla radice,
sembra che, chi non rischia non ottiene, mettono sotto i piedi la musica e le muse,
vedi la tradizione che passa, con questa terra che si trascura,
una voce lontana che lasci andare via e tutto quello che eri collassa.

Per svendere ciò che ha un costo, non conserviamo quello che è nostro,
aggravando questo posto, non mi riferisco ai social network,
ma a fuori dove ti sporchi, dove non vengono ripuliti i maiali,
dicono: “ Chi non rischia, non ottiene”,
bande di Cagliostri che giocano con la giostra, sono infausti, così va il trend,
chi non vuol vedere toglie gli occhiali, Napoli neverland,
bambini nei guai per l’Iphone 7, Troll, prugne acerbe per l’Apple, sfoglie di cipolla,
sono come Big babol, palloni che fanno il botto con Google,
sulla fronte pezze di acqua fredda, la scuola è una bolla di sapone,
distrugge il dialetto, non sputare a terra, il seme non da frutto se non viene messo,
è raro che la radice attecchisca, ma quali consigli,
se il padre tramanda ad un figlio a cui non sarà mai concesso di germogliare.

Prugne acerbe, non maturano, dalla pianta cadono staccandosi dalla radice,
sembra che, chi non rischia non ottiene, mettono sotto i piedi la musica e le muse,
vedi la tradizione che passa, con questa terra che si trascura,
una voce lontana che lasci andare via e tutto quello che eri collassa.

Dove sei nato, qual è la terra che ti ha cresciuto,
ti ha reso un frutto maturo non una pera cotta, ti hanno venduto a chi ti ingoia,
chi ti consuma, eri come una prugna, ora sei spoglio di costumi, come sbucciato,
nudo, è l’ora di arrivare al nocciolo,
da questa scorza lascia uscire il pulsante per il congegno, esce il germoglio,
nuova generazione, Napoli risuona, Napoli non stona,
non vogliono che conservi le tradizioni,
le vogliono bruciare nel rogo della festa di Sant’Antonio,
sono pessimi, ti vogliono svendere, su di te il peso e devi sottostare,
per questo alzati, non lasciare che si spenga la cultura,
non farti mettere con le spalle al muro,
metti i piedi nudi nel terreno, diventano radici, che danno frutti,
nuova linfa per l’anima.

Prugne acerbe, non maturano, dalla pianta cadono staccandosi dalla radice,
sembra che, chi non rischia non ottiene, mettono sotto i piedi la musica e le muse,
vedi la tradizione che passa, con questa terra che si trascura,
una voce lontana che lasci andare via e tutto quello che eri collassa.

 

CREDITS:

RARECA (P.Romano-S.Cavagnuolo) Prodotto da DJ Simi

“Rareca” videoclip:
Prodotto da G2 Studios
Regia: Gabri Gargiulo
Fotografia: Gabri Gargiulo, Barbara Romano
Produttore Esecutivo: Gabri Gargiulo, Paolo Romano, Vincenzo Ferraro