L’omaggio di Francesco De Gregori a Bob Dylan tra amore e furto

In giro per l’Italia per un Instore Tour alle Librerie Feltrinelli (ieri a Napoli, incontro moderato da Federico Vacalebre), e in attesa del tour che partirà a marzo, Francesco De Gregori presenta il suo ventiduesimo album, il primo interamente di…

Bob Dylan canta Frank Sinatra: ascolta Stay With Me

La cantava nel 1964 Frank Sinatra, e ora Bob Dylan ce la fa riascoltare nella sua interpretazione: è Stay With Me, singolo che anticipa il nuovo album di Dylan che uscirà il mese prossimo, tutto dedicato a Sinatra. Potete ascoltarlo…

Un album di cover di Frank Sinatra per Bob Dylan

Due mostri sacri a confronto: Bob Dylan interpreta i classici di Frank Sinatra. Uscirà il 3 Febbraio per la storica Columbia questo nuovo album Shadows in the Night, di cui possiamo fare un piccolo assaggio qui sotto con Full Moon and Empty…

The Complete Basement Tapes: il racconto di Bob Dylan

“I’m not there, I’m gone” 29 luglio 1966. Bob Dylan ha compiuto da due mesi 25 anni, pochi giorni dopo aver dato alle stampe Blonde on Blonde registrato nell’ottobre del 1965. Ha alle spalle almeno tre vite. Quella di Robert…

Quando Bob Dylan voleva registrare un album con Beatles e Rolling Stones

Nel nuovo libro di Glyn Johns è contenuta una particolare chicca sull’intenzione di Bob Dylan di registrare un album con i Beatles e i Rolling Stones negli anni d’oro dei Sessanta. Come ingegnere del suono e produttore, Johns lavorava sia…

Like a Rolling Stone di Bob Dylan invecchia ma non muore mai

Avere a che fare con Robert Allen Zimmerman è difficile, per cui bisogna ridurre il raggio d’azione quando si parla di lui: vuoi parlare della sua vita? Dimenticalo, a meno che tu non voglia raccontarla con un taglio originale, come…

Breviario indie per nottate insonni dylaniane

I giornalacci hanno scritto che Tempest è uno dei più bei dischi di sempre di Bob Dylan (vogliamo parlare di Blonde on Blonde, Highway 61 Revisited, The Freewheelin’, Nashville Skyline, Bringing it all back home e via dicendo?), qui invece…

Questa estate senza un tè coi proiettori sporchi

Mentre Paul Banks continua a copiarsi da solo, i Dirty Projectors (incoronati dalla Pitchfork-bible con un 8.8) fanno uscire Swing Lo Magellan, di cui estraiamo un brano volgarmente casuale. Il mondo si emoziona per gli assoli di piano di Bob…