Marina Bisogno
46 Articles0 Comments

Almarina: perdersi nel nuovo romanzo di Valeria Parrella

“L’abbandono era il mare e il mio cuore era Nisida” C’è un posto bellissimo a Napoli, sospeso tra la terra ferma ed il mare. È squassato dal vento e baciato dal sole, ben visibile dal Parco Virgiliano a Posillipo. In…

L’amica geniale: se c’è una rivoluzione privata, è leggere

“C’era qualcosa di insostenibile nelle cose, nelle persone, nelle palazzine, nelle strade, che solo reinventando tutto come in un gioco diventa accettabile. L’essenziale, però, era saper giocare e io e lei, io e lei soltanto, sapevamo farlo”. Gli occhi di…

Jeanne Hébuterne e Amedeo Modigliani | Un’artista all’ombra di un artista

Capita che una pittrice talentuosa e promettente si senta solo una ragazza. Capita anche che una ragazza desiderabile non percepisca fino in fondo questo aspetto e lasci a un uomo la migliore rappresentazione di sé, finendo col dipendere da questo…

Green book: se la segregazione razziale è bieca ignoranza

Potremmo dire che Green book, il film di Peter Farrelly candidato a cinque premi Oscar (tra gli altri miglior film e miglior sceneggiatura originale) è una storia ambientata in America negli anni Sessanta, nel pieno della segregazione razziale che, feroce…

Van Gogh: struggente il biopic del regista Julian Schnabel

Arriva nelle sale Van Gogh – Sulla soglia dell’eternità, il biopic su Vincent Van Gogh per la regia di Julian Schnabel.

Omaggio a Jean Rhys, signora della letteratura mitteleuropea

Jean Rhys, signora della letteratura mitteleuropea troppo a lungo dimenticata, vive una stagione di riscoperta tra i lettori italiani. Un nostro omaggio all’autrice.

Alessio Forgione, Napoli mon amour: la precarietà che racconto è esistenziale

Evoca atmosfere e stati d’animo febbrili, tra cinismo, incompiutezza e sogni che non spiccano il volo, Napoli mon amour (NN editore), il primo romanzo di Alessio Forgione, già salutato dalla critica e da Raffaele La Capria in persona (Forgione, tra…

Eravamo tutti vivi: storia di un gruppo di universitari negli anni Novanta a Padova

Eravamo tutti vivi, il primo romanzo di Claudia Grendene, pubblicato da Marsilio editore, è stato tra i libri delle mie vacanze. È un romanzo semplice per trama e per linguaggio, diretto, profondo. Racconta le relazioni, gli ideali, le vite quotidiane…