Fabio Mastroserio
168 Articles0 Comments

"Un grido in cerca di una bocca"

Tra la cenere del mondo per conoscere noi stessi | Simone Sauza e la serialità omicida

La possibilità del farsi cenere di un mondo è allora un lampo improvviso e doloroso che sfigura la quiete di un’esistenza. Accettare la contingenza e la spettralità di ciò che riteniamo più intimo di ogni intimità, di ciò che definiamo…

L’incontro con la memoria nella Melma Rosa di Fernanda Trías

Non è semplice descrivere il tempo della reclusione, perché se c’era qualcosa che lo caratterizzava era una sensazione di non tempo. Vivevamo in un’attesa che non era nemmeno l’attesa di qualcosa di concreto. Aspettavamo. Ma in realtà aspettavamo che non…

The Smile | A Light for Attracting Attention

  …But he smile was too vast, it outflanked all / it was too tiny it slipper beetwen the atoms The Smile, Ted Hughes Senza alcun dubbio tra i dischi più attesi di questo 2022 di ripartenza per la scena…

Musiche dal Futuro | L’IDM in Exmachina di Valerio Mattioli

Il 9 luglio del 1992 la Warp Records di Sheffield dà alle stampe la compilation Artificial Intelligence. In copertina un automa è seduto nel suo salotto con la testa reclinata sulla poltrona. Fatto di erba, ascolta vecchi vinili dal suo…

Ode alla giovinezza | Licorice Pizza di P.T. Anderson

True love blooms for the world to see / Blooms high upon the July tree Nina Simone, July Tree Qual è l’ultima volta che avete corso? Non per un motivo preciso: per un treno in partenza, per non bucare un…

La vita di Lady Diana? Una favola nera | Spencer di Pablo Larraín

A fable from a true tragedy Dopo un avvio di carriera straordinario che – concentrato, anche per la peculiare ascendenza familiare, sulla storia cilena e su un’inevitabile riflessione che metteva al proprio centro il discorso sul potere e, conseguentemente, sul…

Le belve dentro di noi | Sul nuovo romanzo di Alfredo Palomba

A volte mi sembra che l’intera città sia una creazione della mia fantasia, che non esistano il Montone e tutte le creature che perfino un fiume così insignificante trasporta, né la piazza, la scuola, l’edificio delle poste di epoca fascista…

Lo spazio dei ricordi | Voyager di Nona Fernández

Sono tante le stelle che brillano su di me, così tante che riesco a sentirle. Ascolto il loro bisbiglio, innumerevoli voci che mi sussurrano all’orecchio. Riesco a immaginare ciò che mi dicono. Porto il peso dell’intero universo sulle mie spalle.…